I NOSTRI PROGETTI

Buon Caffè

Complimenti! Se avete acquistato la Miscela Sant’Eustachio, state aiutando direttamente la Coopfam, cooperativa di agricoltori della cittadina di Poço Fundo, nello Stato di Minas Gerais. Una parte del prezzo pagato per la Miscela, che abbiamo chiamato premio Sant’Eustachio, dal 2008 va infatti direttamente ai progetti sociali realizzati da Coopfam.

Il progetto Buon Caffè è un’ iniziativa di che destina un premio extra delle vendite della tradizionale Miscela direttamente alla brasiliana Coopfam, una delle cooperative di caffè certificato equo e solidale da cui la torrefazione romana acquista la materia prima. 

Protagonista di questo percorso è il consumatore, che può controllare il reale impiego del premio Sant’Eustachio tramite il meccanismo di rintracciabilità.

Avviato nel 2008 da Sant’Eustachio Il Caffè per festeggiare il suo 70° anniversario, il progetto Buon Caffè è un ulteriore impegno della storica caffetteria e torrefazione romana per favorire la diffusione del commercio equo e solidale.

La qualità della materia prima è da sempre un presupposto per Sant’Eustachio. Oggi, la Miscela Sant’Eustachio è composta per la maggior parte da caffè Fair Trade, certificati FLO, il marchio internazionale del commercio equo e solidale.

Equo e solidale

È dal 2001 che Sant’Eustachio Il Caffè acquista caffè dal mercato equo e solidale. Con questa pratica l’impresa condivide e fa propri i principi della responsabilità sociale e ambientale e dell’equità delle operazioni commerciali. Nel sistema del mercato equo e solidale, che viene chiamato anche commercio giusto, si lavora con prodotti certificati, cioè prodotti che rispettano standard qualitativi, sociali e ambientali stabiliti e verificati da organizzazioni di certificazione, come l’internazionale FLO, Fairtrade Labelling Organization.

Nel mercato giusto si paga un prezzo equo prefissato, che nel caso del caffè è spesso più alto di quello di mercato. Questo prezzo giusto è destinato a finanziare lo sviluppo dei piccoli agricoltori, collaborando alla crescita dei gruppi e delle associazioni del Sud del Mondo. Inoltre, è diffusa l’abitudine di anticipare parte del pagamento della merce applicando interessi bassissimi o nulli. Da parte loro, i coltivatori si impegnano a rispettare l’ambiente, nella logica di uno sviluppo sostenibile dell’agricoltura, e i diritti dei lavoratori, requisiti indispensabili per ottenere la certificazione dei prodotti.

Il commercio di Sant’Eustachio

Anche se i caffè Fair Trade che compra Sant’Eustachio appartengono a tipologie di alta qualità, si è voluto fare un ulteriore passo in avanti. Viaggi frequenti nelle zone di produzione del caffè della Repubblica Domenicana, del Guatemala e del Brasile hanno permesso di conoscere i metodi di produzione e l’organizzazione sociale locale. Il contatto diretto con gli agricoltori, la conoscenza dei sistemi di coltivazione nella piantagione, e dei metodi di lavorazione del caffè hanno ispirato le recenti iniziative.

Con il progetto Buon Caffè, Sant’Eustachio ha stabilito rapporti diretti con Coopfam, una cooperativa brasiliana di piccoli agricoltori di Poço Fundo, nello Stato di Minas Gerais. Le relazioni che si sono instaurate con i soci della Coopfam e la condivisione di una stessa filosofia ambientale e sociale hanno spinto Sant’Eustachio a destinare a questa cooperativa i benefici del progetto Buon Caffè.

Oltre al pagamento del prezzo giusto e del pre-finanziamento (50% anticipato all’ordine), Coopfam riceve un premio extra, ricavato dalla vendita della Miscela Sant’Eustachio. Questo premio viene usato nei progetti sociali utili alla cooperativa.

Rintracciabilità del premio per Coopfam

Complimenti! Se avete appena acquistato la Miscela Sant’Eustachio, siete più che partecipi, siete protagonisti di un bellissimo meccanismo: state aiutando direttamente una cooperativa di piccoli e bravi agricoltori brasiliani, la Coopfam, della cittadina di Poço Fundo, nello Stato di Minas Gerais.

Una parte del prezzo pagato per la Miscela, che abbiamo chiamato premio Sant’Eustachio, dal 2008 andrà direttamente ai progetti sociali realizzati da Coopfam.